Dove comprare oro 24 carati

Indice dei contenuti

L’oro è da sempre considerato il metallo nobile per eccellenza. Una reputazione derivante dalle sue caratteristiche intrinseche. Tra le quali la purezza continua ad essere un vero e proprio richiamo commerciale. E il metallo più puro in assoluto è quello da 24 carati.

Per capire meglio di cosa si stia parlando, occorre però affrontare il discorso iniziando proprio dalla base, ovvero il carato. Il quale rappresenta un’unità di misura utilizzata sia per la massa dei materiali, che alla stregua di indicatore di purezza.

Come è ormai abbastanza noto, infatti, non esiste un’unica qualità di oro presente sul mercato, ma una moltitudine di leghe auree le quali vanno a distinguersi principalmente per la percentuale di oro e di altri metalli che vengono miscelati al loro interno.

Quando si parla di oro a 24 carati, si indica in effetti il migliore attualmente presente sul mercato. Oltre a stabilire una precisa quantità in termini di peso. I 24 carati infatti, stanno a segnalare la presenza di una quantità in massa di oro di almeno 999,9 grammi su un chilogrammo nella lega aurea. Cosa vuol dire tutto ciò? Che trovare oro a 24 carati non è assolutamente facile.

Dove è possibile acquistare oro

Acquistare oro a 24 carati, quindi, non è facile. Il punto di partenza, anche in questo caso, è l’individuazione dei possibili venditori, prendendo come base la normativa esistente.

La quale prevede in pratica l’esistenza di tre figure:

  1. i compro oro, ovvero le strutture che vantano una licenza rilasciata dalla Banca d’Italia previa iscrizione all’interno dell’apposito albo, la quale prevede il rispetto di una serie di regole patrimoniali e commerciali;
  2. i Banco Metalli, che sono spesso scambiati per compro oro, essendone però diversi sotto alcuni punti di vista;
  3. le banche, le quali offrono ai propri clienti la possibilità di acquistare oro fisico da lasciare all’interno dei loro caveau.

Oltre a queste figure previste dalla normativa, esistono però altre possibilità di acquisto. Ad esempio all’estero, rivolgendosi a società specializzate che possono fungere non solo da intermediari nelle operazioni, ma anche offrire servizi di custodia e spedizione di quanto acquistato. Oppure le aste online nelle quali sono offerti preziosi in oro, come accade su eBay e Catawiki.

In tutti i casi occorre però sapere come ci si deve muovere, per non incappare in disavventure o vere e proprie truffe. E, soprattutto, seguire regole ispirate alla massima prudenza, anche in considerazione delle cifre che vengono messe in gioco in questo genere di transazioni.

La quotazione dell’oro 24 carati

Quando si deve acquistare o rivendere oro a 24 carati, la regola base dovrebbe prevedere una consultazione della sua quotazione. La quale viene stabilita dai mercati, anche se ormai dal 1919 viene indicato il prezzo di riferimento, detto fixing, due volte al giorno dalla apposita sezione della Borsa di Londra.

A questo proposito va ricordato come sino al 2014 il valore dell’oro da investimento fosse determinato dal cosiddetto Club of Five, ovvero dai cinque più importanti commercianti e investitori nel settore. Si tratta di Johnson Matthey, Mocatta & Goldsmith, Samuel Montagu, Rothschild e Sharps Pixley.

Dalla metà di quell’anno, però, il sistema è stato rivoluzionato, affidando il fixing a una associazione londinese del settore las quale è riconosciuta a livello internazionale.

Conviene acquistare oro a 24 carati?

Conviene acquistare oro a 24 carati? Dipende naturalmente da chi decide di investire. Va infatti considerato che l’acquisto di oro fisico comporta anche la necessità di detenerlo in condizioni di assoluta sicurezza. Ovvero predisporre sistemi di sorveglianza in grado di impedire, per quanto possibile, la sua sottrazione da parte di eventuali attaccanti. E, magari, si può prendere in considerazione l’idea di stipulare una polizza per tutelarsi da eventuali furti.

Si tratta di costi aggiuntivi i quali, in definitiva rappresentano un vero e proprio investimento, contribuendo a regalare serenità al legittimo possessore del metallo aureo, si tratti di lingotti, monete o oggetti di altro genere.

Naturalmente ci sono anche investitori i quali non se la sentono di dover affrontare quelle che sono viste alla stregua di complicazioni eccessive. I quali preferiscono di conseguenza rivolgersi al cosiddetto oro finanziario. Ovvero quello che prevede l’impiego di derivati, ovvero gli strumenti finanziari i quali provvedono ad operare una scommessa su un sottostante. Cercando di prevedere il trend dell’asset su cui sono stati incentrati. In questo caso, infatti, non è necessario detenere direttamente l’oro e conservarlo al riparo da eventuali furti.

La scelte di una delle due modalità di investimento dipende in particolare dal profilo dell’investitore e dalla sua effettiva propensione al rischio.

Attenzione alle leggende metropolitane

Abbiamo visto dove è possibile acquistare oro, a prescindere dal numero dei carati. E che reperire quello a 24 carati non è assolutamente semplice. Si tratti di 24 o 18 carati, però, il nostro consiglio è comunque di muoversi con accortezza, per evitare fregature che sono sempre possibili.

Anche da quelle strutture come i compro oro che, pure, dovrebbero obbedire a standard indicati dalla legislazione esistente. Purtroppo non è così, come del resto dimostrano le tante chiusure operate nel corso degli ultimi mesi dalla Guardia di Finanza. A danno di compro oro i quali non solo erano abusivi, ma portavano avanti pratiche scorrette a danno della propria clientela. Confidando evidentemente sulla disperazione di chi decide di vendere il proprio oro, magari per fare fronte alle difficoltà finanziarie o ad improvvise esigenze.

Per riuscire a muoversi con una certa padronanza, schivando di conseguenza pratiche poco trasparenti o del tutto truffaldine, il punto di partenza è la conoscenza non solo dell’oro, ma anche del mondo che si muove attorno ad esso. Sul quale girano molte voci le quali troppo spesso sono vere e proprie leggende metropolitane.

Tra di esse vanno ricordate in particolare le seguenti:

  1. gli unici compro oro affidabili sono quelli iscritti al registro degli operatori professionali. Non è così, perché per esserlo basta rispettare requisiti patrimoniali e giuridici. La Banca d’Italia, infatti, non sovrintende l’attività di chi ha ottenuto la licenza, tanto da diffidare i compro oro dal reclamizzare il possesso di autorizzazioni da parte sua, considerate alla stregua di informazioni tali da indurre i consumatori in inganno;
  2. un prerequisito di onestà è l’utilizzo di bilance elettroniche al posto di quelle meccaniche. Gli esperti consigliano invece di rivolgersi ai compro oro che usano le bilance a bracci, le quali, però, devono essere conformi alla normativa. Che, dal canto suo, prescrive la revisione ricorrente delle bilance, a prescindere dalla loro natura;
  3. il compro oro affidabile è quello che indica chiaramente il prezzo di acquisto. Non è così, con tutta evidenza, proprio perché chi lo fa indica la quotazione su un cartellone in bella vista del tutto improbabile. Come abbiamo ricordato, infatti, la quotazione dell’oro è decisa dal mercato e indicata due volte al giorno da un organismo interno alla Borsa di Londra.

Acquistare oro: le previsioni degli esperti

A prescindere dal fatto che l’oro sia a 24 o a 18 carati, in molti si chiedono quale sarà il suo trend nel corso dell’anno appena iniziato. Il quale difficilmente potrà rivelarsi molto diverso da quello archiviato, con il Covid destinato a pesare ancora molto sulla congiuntura economica. Nel corso del quale il metallo prezioso è cresciuto nell’ordine del 17%.

Se si pensava che la pandemia potesse terminare in breve, la previsione si è rivelata molto azzardata. Le vaccinazioni di massa sono già iniziate, ma scontano notevoli ritardi organizzativi. Inoltre sembra logico attendersi ancora molta prudenza da parte dei governi, tali da riflettersi sul movimento delle persone, con settori come il turismo o i trasporti destinati a una fase molto negativa.

Il PIL mondiale è atteso ad una crescita nell’ordine del 3% o poco più, non tale quindi da accostarsi ai livelli pre-Covid.
Ne consegue la necessità da parte delle banche centrali di dare impulso all’economia. Con politiche estremamente aggressive, tali da prefigurare una vera inondazione id liquidità, che potrebbe riflettersi sui livelli inflattivi.

Un quadro nel quale l’oro, notoriamente bene rifugio per eccellenza, dovrebbe vedere crescere ancora la sua quotazione. Anche in considerazione del fatto che i giacimenti esistenti continuano ad avvicinarsi al loro esaurimento.

Chi intende cautelarsi acquistando oro, ovvero gli investitori istituzionali, probabilmente continuerà a sostenerne la quotazione ancora a lungo. Ecco perché acquistare oro potrebbe rivelarsi conveniente, anche in un momento in cui la sua quotazione è abbastanza alta.

Conclusioni

Quando si parla di oro fisico, occorre sapere che quello puro per eccellenza presuppone il conseguimento dei 24 carati. Un tipo di oro il quale non è facile da reperire. Non sono molti i compro oro o le altre strutture che lo vendono. Acquistarlo può comunque rappresentare un ottimo investimento, soprattutto alla luce del fatto che le previsioni economiche relative all’anno in corso sono ancora improntate all’incertezza. Ovvero una condizione nella quale un bene rifugio come l’oro è destinato a guadagnare in termini di quotazione.